20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese. Sulla base di alcuni passi dei testi a noi pervenuti riguardo a Gesù Cristo, una parte degli studiosi ha ipotizzato che avesse dei fratelli, di cui vengono riportati i nomi Giacomo, Giuseppe, Simone e Giuda (Taddeo). Ecco qualche dato: Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. APOSTOLI E DISCEPOLI. Uno dei fatti più conosciuti della vita di Gesù è che egli costituì un gruppo di dodici discepoli che chiamò i “Dodici Apostoli”. Discepoli e apostoli non sono due termini sinonimi. Nello spazio di oggi analizziamo in maniera chiara e precisa chi erano, come si chiamavano, quali caratteristiche avevano i dodici apostoli di Gesù.. Iniziamo chiarendo che i 12 personaggi sono noti sia con il nome di apostoli che con quello di discepoli.Il secondo termine è utilizzato per identificare un apprendista, il primo invece un soggetto che è invitato a fare qualcosa. Tra i 12 fu anche Giuda che tradì Gesù e in seguito si uccise. Nel libro degli Atti degli apostoli, infatti, dovendo sostituire Giuda Iscariota nel numero degli apostoli, è scritto: «È necessario dunque che un altro si unisca a noi per farsi testimone della risurrezione del Signore Gesù. Il giorno seguente chiama i discepoli e ne sceglie 12 come apostoli. "Lago di Genèsaret" e "mare di Galilea" sono due dei nomi con cui è conosciuto il. Nei vangeli canonici si ravvisano delle discrepanze in merito al luogo, ai nomi e al momento in cui i primi apostoli furono scelti. Anche l'islam, quindi, riconosce gli apostoli (in arabo ḥawāriyyūn). Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine. Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media. Nel cristianesimo i termini “apostolo” e “discepolo” sono spesso interscambiabili, ma si riferiscono a realtà diverse. GLI APOSTOLI. Atti 1: 12-14, 12 Allora ritornarono a Gerusalemme dal … Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 18 dic 2020 alle 14:08. Più tardi, dopo la morte di Giuda, Matthias fu scelto per sostituirlo tra i 12 e portare avanti la missione. »€€ (Luca 6,13)€€ €« Chiamò presso di sé quelli che volle; ed essi si avvicinarono a lui. La Partia, secondo la tradizione, venne affidata a Tommaso come campo di lavoro, la Scizia ad Andrea, e l'Asia a Giovanni, il quale, dopo esservi vissuto per qualche tempo, morì ad Efeso. APOSTOLI DISCEPOLI E DISCEPOLI STANNO UNITI ALLA SANTA VERGINE MARIA E AI FRATELLI DI LUI IN PREGHIERA. Dopo la resurrezione e l'ascensione di Gesù, e la morte di Giuda Iscariota, gli undici apostoli restanti si riunirono e dopo un sorteggio nominarono Mattia completando nuovamente il numero di dodici. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare. Gesù sceglie i sei uomini appena menzionati e anche Matteo, l’ex esattore di tasse. Confrontando i tre passi, ci sono un paio di differenze secondarie nei nomi. (At. In Matteo 26,6 e Marco 14,3 viene detto che Gesù si trovava a casa di Simone il lebbroso, ovviamente guarito precedentemente da Gesù e poi diventato suo discepolo e apostolo. Secondo i cattolici - a differenza ad esempio dei protestanti - non si tratterebbe di fratelli, come si intende ora, in quanto Maria, la Madre di Gesù, non ebbe altre gravidanze; sarebbero invece dei cugini primi di Gesù, figli di Alfeo, fratello di S. Giuseppe, e di Maria di Cleofa, sua moglie. In senso proprio, il ministero e la funzione dell'apostolo (come quello dei profeti) è limitato, dopo la chiusura del canone della Bibbia, soltanto alle persone specificatamente designate come tali nel Nuovo Testamento e non è trasmissibile. Prima però dell'ascensione di Cristo al cielo, quando si parla degli Apostoli e si chiamano discepoli, o sono chiamati per nome, o è detto i dodici discepoli; quando si parla de' discepoli in generale, sotto il qual nome generico sono compresi anche gli Apostoli, si deve intendere di tutti coloro che seguivano la dottrina di Gesù. Impara come puoi vivere quotidianamente il mandato missionario: “Andate e fate discepoli” (Mt.28, 19) CONTINUA A LEGGERE COME POSSO AIUTARE GLI ALTRI AFFINCHÉ AMINO CRISTO? Tra i discepoli di Gesù, per volontà stessa del Signore ce ne sono 12 che vengono chiamati anche i dodici e ancor più espressamente col termine di apostoli. Così andò su una montagna per stare da solo e pregò tutta la notte. 45, Filippo Vecchio, Ascoltiamo Gesù, Rubbettino, 2004, p. 24-26. Gli apostoli e i primi discepoli di Cristo. Se di primo acchito i termini si possono confondere facilmente, dopo averne imparato la definizione la distinzione è quindi chiara. La mattina seguente Gesù chiamò alcuni dei suoi discepoli e scelse i 12 apostoli. Essere discepoli significa riconoscere Gesù come Maestro e accogliere l’invito a seguirlo per vivere secondo il suo insegnamento. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidone” (Lc 6,17). .css-tadcwa:hover{-webkit-text-decoration:underline;text-decoration:underline;}Philip Kosloski - @media screen and (max-width:767px){.css-ij9gf6 .date-separator{display:none;}.css-ij9gf6 .date-updated{display:block;width:100%;}}pubblicato il 18/01/18. Dopo l'Ascensione di Gesù al cielo in corpo, anima e spirito, i dodici apostoli si stabilirono a Gerusalemme, dove costituirono il nucleo centrale della nascente comunità cristiana; attorno ad essi si radunarono i seguaci di Gesù, formando la Chiesa di Gerusalemme. I dodici scelti come apostoli sono chiamati discepoli in Matteo 10:1 e 11:1. Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno. Come il termine “apostolo”, è usato quasi esclusivamente nel Nuovo Testamento, e denota i tanti “studenti” che circondavano Gesù e imparavano dai suoi insegnamenti. * (Matteo 10:1) Chiamati dunque i suoi dodici discepoli, diede loro autorità sugli spiriti impuri, per espellerli e guarire ogni sorta di malattia e … Inoltre, in relazione al momento, il Vangelo di Giovanni fa operare la scelta a Gesù quasi subito dopo il suo battesimo, mentre invece i vangeli sinottici pongono l'avvenimento parecchio tempo dopo, visto che Gesù avrebbe prima passato anche quaranta giorni nel deserto. La parola “apostolo” deriva dal greco “apostello”, “invio, mando”. Il più noto è certamente Paolo di Tarso, la cui autorità apostolica fu talvolta contestata dagli altri apostoli; con lui, anche Barnaba viene ricordato negli Atti con la qualifica di apostolo (... quod ubi audierunt apostoli Barnabas et Paulus conscissis tunicis suis exilierunt in turbas clamantes, 14,14). ANDREA, il comunicatore. © Copyright Aleteia SAS tutti i diritti riservati. La Chiesa cattolica, quella ortodossa, le chiese orientali e alcune altre chiese considerano i vescovi i successori degli apostoli, in quanto sono consacrati (ordinati) da altri vescovi che, a loro volta, avevano ricevuto la consacrazione da altri vescovi fino a risalire agli apostoli. Nella religione cristiana e in quella islamica per discepolo s'intende ciascuno degli apostoli e dei seguaci di Cristo, i cristiani, che predicarono i suoi insegnamenti. 4. Sembra che Taddeo fosse conosciuto anche come "Giuda, figlio di Giacomo" (Luca 6:16) e Lebbeo (Matteo 10:3, ND). In modo simile, San Paolo viene spesso nominato “apostolo” per via del mandato divino ricevuto da Cristo. Tra questi: San José de Anchieta (Apostolo del Brasile), San Francisco Javier (Apostolo delle Indie), San Pietro de Betancur (Apostolo di Guatemala) e San Patrizio (Apostolo di Irlanda). Definizione e significato del termine apostolo [10][11][12] Gli studiosi dell'interconfessionale Bibbia TOB notano come la tradizione avrebbe cercato di far coincidere alcune divergenze; ad esempio, nel caso di Natanaele[13] "alcune tradizioni l'identificano con l'apostolo Bartolomeo, ma senza fondamento", oppure il caso di Taddeo[14] che altri manoscritti nominano come Lebbeo o Giuda figlio di Giacomo o Giuda lo Zelota e tali esegeti ritengono che "la soluzione più semplice è che ogni sinottico abbia avuto un nome differente per l'undicesimo apostolo" ed "è del resto poco probabile che questi nomi indichino lo stesso personaggio", anche perché tutti di origine semitica mentre all'epoca, quando si avevano altri nomi oltre a quello giudeo, questi erano di origine greca o romana. Alle origini della Chiesa è un libro di Benedetto XVI (Joseph Ratzinger) pubblicato da Libreria Editrice Vaticana nella collana Catechesi di … [16] La Catholic Encyclopedia spiega con molti ragionamenti quali ragioni inducano gli studiosi a identificare Bartolomeo e Natanaele: Undici apostoli erano sicuramente galilei; in quanto Giuda potrebbe essere stato giudeo (vedi l'etimologia di "Giuda Iscariota"). Giovanni e Giacomo, Pietro e Andrea, due gruppi di fratelli che gestivano una attività famigliare, furono invitati a seguirlo. Un apostolo è colui che è “inviato” da Dio a predicare il Vangelo alle Nazioni. Ciò avvenne circa l'anno ottavo dopo l'Ascensione di Gesù Cristo, quarantesimo primo dell'era volgare. Non esiste una trasmissione diretta del ministero apostolico. La mattina seguente Gesù chiamò alcuni dei suoi discepoli e scelse i 12 apostoli. In queste narrazioni, per analogia, anche al Profeta Maometto vengono attribuiti 12 apostoli, che nella stessa fonte sono elencati così: Come si può vedere, questa lista si avvicina a quella dei Dieci Benedetti, che costituiscono un'altra classificazione dei discepoli più vicini a Maometto. Relativamente al luogo, secondo i vangeli sinottici , Gesù scelse i suoi primi apostoli presso il Lago di Tiberiade , detto anche Lago di Genezareth, in Galilea, nel Nord della terra d'Israele, al contrario del Vangelo secondo Giovanni che colloca l'avvenimento vicino al luogo del suo battesimo nei pressi di Betanianel Sud del paese, a circa 150 chilometri dal Lago di Tiberiade. Benché questi non facesse parte del numero originale degli apostoli, a questi pure Gesù risorto apparve. 5. Giuda, non è altri che il discepolo Giuda Taddeo, uno dei Dodici. Si chiamavano Pietro, Andrea, Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Tommaso, Matteo, Giacomo figlio di Alfeo, Taddeo, Simone e … I vangeli sinottici concordano nel riferire che Gesù formò tra i suoi seguaci un gruppo ristretto di dodici persone, per fare con loro vita comune e per mandarli in seguito a predicare il suo messaggio. Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...). 1. «Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli» «Et cum dies factus esset, vocāvit discipŭlos suos et elēgit Duodĕcim ex ipsis, quos et apostŏlos nomināvit» Mercoledì 28 ottobre – Festa dei Santi Simone e Giuda Apostoli – Lc 6, 12-19 La comunione dei cristiani di epoche successive con gli apostoli è legata e definita alla fedeltà al loro insegnamento (Gal 1,9; 1 Corinzi 15,1.2). Oltre al gruppo dei dodici, Paolo di Tarso (Gal 2,8) è riconosciuto da tutti i cristiani un apostolo di Cristo (il tredicesimo); così come per la Chiesa Cattolica lo è pure Barnaba. Ad esempio, San Bonifacio è noto come “Apostolo dei Germani” per la sua opera missionaria tra le genti germaniche. Probabilmente originario di Betania come Lazzaro, Marta e Maria Maddalena. Raymond E. Brown, Joseph A. Fitzmyer, Roland E. Murphy. Relativamente al luogo, secondo i vangeli sinottici[2], Gesù scelse i suoi primi apostoli presso il Lago di Tiberiade[Nota 1], detto anche Lago di Genezareth, in Galilea, nel Nord della terra d'Israele, al contrario del Vangelo secondo Giovanni[3] che colloca l'avvenimento vicino al luogo del suo battesimo nei pressi di Betania nel Sud del paese, a circa 150 chilometri dal Lago di Tiberiade. €« Chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede il nome di apostoli. [15] Invece, la Bibbia nella versione ufficiale CEI insegna che «Natanaele è l'apostolo Bartolomeo». Abbandonarono bruscamente le reti e le loro barche. apostoli e discepoli Secondo i vangeli, Gesù si circonda di discepoli all'inizio del suo ministero; non pensa a degli apostoli. Bibbia TOB, Nuovo Testamento Vol.3, Elle Di Ci Leumann, 1976, pp. 3:14-15) Gli andavano dietro spontaneamente. Da allora, il termine è stato usato a volte per grandi santi che erano “apostoli”, inviati da Dio per una missione specifica. Alcuni studiosi ritengono invece che alcuni degli apostoli, ossia Giuda Taddeo e Giacomo il minore fossero fratelli-cugini di Gesù, vedi sopra, tenendo sempre presente il significato di fratello nel popolo ebraico del I secolo a.C., termine con il quale si annoverano anche i soggetti appartenenti al medesimo clan familiare. La parola “discepolo”, invece, deriva dal latino “discipulus”, ovvero “studente, allievo”. In questo contesto, un discepolo di Gesù non è necessariamente qualcuno che è “inviato” a predicare il Vangelo al mondo, ma una persona che impara costantemente cosa significhi essere cristiano. [Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]. Proviamo a raccontare gli incontri di Gesù con gli apostoli. Così andò su una montagna per stare da solo e pregò tutta la notte. Bibba CEI, UELCI, 1996, p. 1060, nota a Gv 1,45, Gerusalemme armena, i manoscritti che salvarono il mondo, Storia ecclesiastica ad uso della gioventù utile ad ogni grado di persone, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Apostolo&oldid=117342828, Voci con modulo citazione e parametro pagina, Voci non biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, Roma insieme a Filippo nella basilica dei XII Apostoli o Gerusalemme nella, Roma insieme a Giuda Taddeo nella basilica di San Pietro - secondo altri a, Roma insieme a Simone lo Zelota nella basilica di San Pietro - secondo altri a, viene citato anche "Giuda, non l'Iscariota" in. Chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede il nome di apostoli. Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video. LABORATORIO PER FORMARE DISCEPOLI SECONDO IL METODO DI CRISTO DISCEPOLI CHE FANNO DISCEPOLI CONTINUA A LEGGERE CHE SIGNIFICA ESSERE APOSTOLO DI CRISTO? La religione islamica considera Gesù uno dei più grandi profeti, e nel mondo islamico sono molto diffuse le narrazioni della sua vita e delle sue opere. Secondo gli Atti , sono i discepoli che sono stati chiamati Cristiani, non gli apostoli; costoro non sono andati ad evangelizzare le nazioni, dato che questo compito toccava ai diaconi ellenisti. Secondo la tradizione delle chiese cristiane questi non sono identificati con gli apostoli che hanno lo stesso nome ma con persone diverse, in particolare Giacomo sarebbe Giacomo il Giusto. Nei vangeli canonici si ravvisano delle discrepanze in merito al luogo, ai nomi e al momento in cui i primi apostoli furono scelti. Quindi ne costituì dodici perché Per molti secoli il termine è stato usato quasi esclusivamente per indicare i 12 apostoli inviati nel mondo da Gesù. Saulo di Tarso (Paolo), costituisce un'eccezione a tale principio. La cosa scura è che Luca parla di apostoli, Matteo di discepoli e … Ezio Coscia. Queste persone furono chiamate apostoli, termine che significa "inviati". In Matteo la distinzione tra apostoli e discepoli è invece più attenuata, al punto che l’espressione "i dodici" finisce gradualmente per passare in secondo piano in favore dell’espressione "i discepoli".[8]. 70, 300. [4], Secondo alcuni commentatori, queste divergenze non sarebbero completamente inconciliabili. I due brani paralleli hanno la stessa struttura: Gesù li vide / li chiamò / lo seguirono. A volte facciamo un po’ di confusione. Discepoli del Signore, o di Cristo, i dodici apostoli, e in senso più ampio tutti coloro che lo seguivano nella sua predicazione e furono eletti, insieme con gli apostoli, perché predicassero la sua dottrina. Manca, rispetto al Vangelo di Luca, Giuda Iscariota che è morto dopo aver tradito Gesù; dopo l'Ascensione di Gesù un dodicesimo apostolo, Mattia,[1] viene integrato per sorteggio[9] su iniziativa di Pietro At 1,21-22. Gesù aveva intorno a sé un grande gruppo di discepoli, sia uomini che donne. Deve essere uno di quelli che ci hanno accompagnato mentre il Signore Gesù è vissuto con noi, da quando Giovanni predicava e battezzava fino a quando Gesù è stato portato in cielo, mentre era con noi (...) per prendere in questo ministero apostolico il posto che Giuda ha abbandonato per andarsene al suo luogo.». «Bartolomeo non è il nome proprio dell'Apostolo», in quanto è un patronimico; «il nome [di Bartolomeo] non è presente nel Quarto Vangelo, mentre Natanaele non è menzionato nei sinottici»; «il nome di Bartolomeo è associato a quello di Filippo negli elenchi di Matteo e Luca, e a fianco di questo in Marco, il che concorda con il fatto mostrato da San Giovanni che Filippo era amico di lunga data di Natanaele e lo condusse a Gesù»; «la chiamata di Natanaele, menzionata con la chiamata di parecchi Apostoli, pare che lo designi all'apostolato, specialmente poiché la narrazione piuttosto completa e bellissima induce ad attendersi sviluppi importanti»; «Natanaele era della Galilea, ove Gesù trovo molti dei Dodici, se non tutti»; «nell'occasione dell'apparizione del Salvatore risorto sulle rive del Lago di Tiberiade, Natanaele è presente, insieme con parecchi apostoli che sono nominati e con due Discepoli anonimi, che erano, quasi certamente, altri Apostoli (la parola "apostolo" non compare nel Quarto Vangelo e "discepolo" di Gesù ordinariamente significa "Apostolo") e così, presumibilmente, era uno dei Dodici.», Giovanni apostolo ed evangelista: Asia minore (, Giovanni Apostolo ed Evangelista: Basilica di san Giovanni in, Giuda Taddeo: nella Basilica di san Pietro a Roma, sotto l'altare di san Giuseppe e Simone. Probabilmente originario di Betania come Lazzaro, Marta e Maria Maddalena. Si diventava apostoli o discepoli del gruppo dei 72 per chiamata o designazione di Gesù. Loro sono chiamati apostoli, ma non come diretta trasmissione del ministero apostolico dei dodici il quale è unico e irripetibile. .mw-parser-output .chiarimento{background:#ffeaea;color:#444444}.mw-parser-output .chiarimento-apice{color:red}Forse anche Simone lo Zelota era Giudeo. Da questo gruppo scelse dodici uomini che chiamò apostoli (Lc 6, 12–16). Prima ch'e' partisse dalla Giudea, fu inviato dai fedeli e dagli stessi Apostoli a scrivere il suo Vangelo. Doveva scegliere delle persone che avrebbero collaborato con lui e a cui avrebbe insegnato a guidare la congregazione cristiana. apostoli e discepoli Posted on Settembre 24, 2020 by . In Marco e Luca la distinzione tra apostoli e discepoli è più marcata: i discepoli sono un gruppo più grande, che comprende il gruppo più ristretto dei dodici. Luca cita anche un gruppo di settanta discepoli, mandato in missione da Gesù. Gesù scelse 12 dei suoi discepoli che in seguito si trasformarono in apostoli. Ma quando il profeta di Nazareth arrivò camminando lungo la riva, improvvisamente tutto cambiò. Egli ne scelse dodici come il numero delle tribù di Israele. https://it.aleteia.org/2018/01/18/differenza-apostolo-e-discepolo Ricordi alcuni dei loro nomi? Una lettura un poco attenta del Nuovo Testamento ci farà trovare una quantità di … Il mondo di Matteo passò da una banda di emarginati peccaminosi a un gruppo completamente diverso di aspiranti santi. Gli apostoli di Gesù Cristo (dal greco απόστολος, apóstolo: 'inviato'), come descritto nel Nuovo Testamento, sono i discepoli costituiti da Gesù per dare continuità al messaggio della salvezza da lui proclamato. È possibile infatti che il primo incontro di Gesù con Andrea, Pietro e Giovanni (che secondo la tradizione è il discepolo di cui non viene citato il nome) sia avvenuto a Betania poco dopo il suo battesimo, come raccontato dal vangelo di Giovanni. delle Marche, fonda e promuove una iniziativa religiosa: diffondere la conoscenza e la Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Forse anche Simone lo Zelota era Giudeo. I primi discepoli di Gesù erano stati discepoli di Giovanni. Corrado Augias e Mauro Pesce, Inchiesta su Gesù, Mondadori, 2011, pag. Questo gruppo era formato da uomini che Gesù aveva scelto personalmente, che lo accompagnavano nella sua missione di instaurare il Regno di Dio e che furono testimoni delle sue parole, delle sue opere e della sua resurrezione. Gli apostoli vennero ammaestrati in modo special da lui e vennero loro affidati: “Li mandò a predicare il vangelo di Dio e a guarire” (Lc 9, 2). Apostolo: Ciascuno dei dodici scelti da Cristo come suoi discepoli e messaggeri del Vangelo. Dopo avere iniziato la loro predicazione in Giudea, in seguito gli apostoli si suddivisero il compito di annunciare il Vangelo nel mondo allora conosciuto[20], nel modo seguente: Entro trent'anni dalla prima predicazione di Pietro a Gerusalemme[21], con la partenza degli apostoli Gesù Cristo ebbe adoratori in tutta la terra abitata a quel tempo[20]. Al tempo di gesu',come mai si faceva questa distinzione tra i suoi seguaci?quale e' la differenza? Anche se non gli era stato ordinato direttamente da Gesù, ha seguito l’ispirazione divina per diffondere il cristianesimo. In Giovanni non è indicato esplicitamente il numero degli apostoli, ma si dice che Giuda Iscariota era "uno dei Dodici": I nomi dei Dodici differiscono parzialmente tra i vari elenchi dati nel Nuovo Testamento[Nota 2] e, secondo gli esegeti curatori del "Nuovo Grande Commentario Biblico", "fa bene riflettere sul fatto che in seguito fu ricordato ben poco della maggior parte dei membri di questo gruppo che un tempo era così importante"[Nota 3]; gli stessi esegeti osservano come oltre a Lc 6,14-16 "troviamo altre liste dei Dodici in Mc 3,16-19; Mt 10,2-4; At 1,13" e "in verità, le liste dei Dodici hanno continuato a mescolare i nomi". Discepoli e Apostoli Dello Spirito Santo, Palestrina, Via Delle Piagge 68, Sin dalla Pentecoste del 1965, Padre David De Angelis OFM Capp. Nell’Antico Testamento è usata di rado, mentre nel Nuovo si ritrova almeno 80 volte. I vangeli sinottici descrivono in seguito la chiamata di Matteo (non raccontata dal vangelo di Giovanni)[6], mentre il vangelo di Giovanni descrive le chiamate di Filippo e Natanaele (non raccontate dai sinottici)[7]. Grazie! I nomi degli apostoli dovrebbero sapere tutto. Infine, anche i nomi dei primi apostoli scelti non coincidono tra la versione sinottica e quella giovannea. Gesù chiama a sé due fratelli (1,16-18) e poi ne chiama altri due (1,19-20) ed essi lo seguono. Le folle dei discepoli invece aderivano da sole a Cristo. Di questo gruppo facevano parte: le tre coppie di fratelli Pietro-Andrea, Giacomo-Giuda Taddeo cugini di Gesù, e Giacomo-Giovanni, l’ex esattore delle tasse Matteo e altri sette discepoli i cui nomi non erano stati citati in precedenza, cioè Filippo, Tommaso, Giuda Iscariota, Bartolomeo, Simone il Cananeo o lo Zelote; gli ultimi due sono chiamati diversamente nel vangelo di Luca, cioè Simone lo Zelota e Giuda di Giacomo. Dopo il tradimento e la morte di Giuda Iscariota, il numero originario fu ristabilito prima della Pentecoste con l'elezione di Mattia[1]. Una lista, riportata nel racconto sulla vita di Gesù di al-Tha'labi, li elenca in quest'ordine e con queste denominazioni[23]: La stessa fonte[24] ricorda anche le località in cui essi si diressero per diffondere la loro predicazione: Pietro a Roma; Andrea e Matteo nella "terra dei cannibali"; Tommaso e Labbā ad oriente; Filippo e Giuda a Qayrawan e nella provincia Africa; Giovanni a Efeso, "la città di quelli della caverna"; i due Giacobbe a Gerusalemme e in Palestina; Bartolomeo in Arabia ed in particolare in Hijaz; Simone nella terra dei Berberi. La Bibbia elenca anche i 12 discepoli o apostoli in Marco 3:16-19 e Luca 6:13-16. «Nel frattempo i santi apostoli e discepoli del nostro Salvatore erano dispersi nel mondo. [senza fonte]. Altre figure neotestamentarie con la qualifica di apostolo sono Andronico e Giunia (Romani 16,7), quest'ultima una donna. Ma questo cambiamento, per quanto difficile … L'inizio degli Atti degli Apostoli parla di undici apostoli ossia: Pietro e Giovanni, Giacomo e Andrea, Filippo e Tommaso, Bartolomeo e Matteo, Giacomo di Alfeo e Simone lo Zelòta e Giuda di Giacomo.