[60] In tempi romani, templi dedicati ad Iside in Egitto erano costruiti o in stile egiziano, nel quale la statua della dea era situata all'interno e i riti delle offerte quotidiane venivamo svolti dai preti fuori dalla vista del pubblico, oppure in stile greco, in cui la statua della dea era visibile al pubblico. [217] Vinh Tran Tam Tinh argomenta che immagini di Iside hanno influenzato solo le immagini di Maria con in braccio Gesù trovate in Egitto,[218] mentre Thomas F. Mathews e Norman Muller pensano che le pose di Iside in antichi dipinti abbiano influenzato diversi tipi di iconografie di Maria, dentro e fuori l'Egitto. [4] Nella stessa epoca, Horus fu sincretizzato con il dio della fertilità Min, e per questo Iside era vista come madre di Min. Osiride (gr. [86] Iside e Serapide erano anche venerate in siti sparsi per l'impero seleucide, il regno ellenistico nel medio Oriente che si estendeva a est fino all'odierno Iran, anche se scomparirono dalla regione quando i Seleucidi persero i territori conquistati al regno dei Parti. [8][9] Amun, la prima divinità egizia durante il Medio e il Nuovo Regno, assunse il ruolo di Kamutef, e, quando era in questa forma, Iside era la sua consorte. [190], Alcuni templi di Iside praticavano dei riti misterici per iniziare nuovi membri al culto. [87], I greci vedevano la religione egizia come esotica e a volte bizzarra, ma al tempo stesso piena di antica saggezza. [190], L'asino d'oro, nel descrivere di come il protagonista si unisce al culto di Iside, fornisce l'unica fonte dettagliata delle iniziazione isiache. Tomba di Seti I nella Valle dei Re (Tebe). Dopo la fine del Regno Nuovo nel IV secolo a.C., il centro del culto di Iside, al suo culmine, era Philae, un'isola sul Nilo in cui le venne dedicato un grande tempio costruito all'epoca della trentesima dinastia. Si vendicarono su una ricca donna che si era rifiutata di aiutare Iside pungendo il figlio e rendendo necessario che Iside guarisse il bimbo senza colpa. [228], Dal rinascimento in poi, la statua velata di Iside che Plutarco e Proclo avevano menzionato fu interpretata come una rappresentazione della Natura, basandosi su un passaggio di Macrobio nel IV secolo d.C. che comparava Iside con la natura. Il nome Iside significa "il trono". [senza fonte] Prende anche la forma di un albero o di una donna che emerge da un albero, offrendo cibo e acqua alle anime decedute. Gli egizi la credevano figlia del dio Keb ("Terra") e della dea Nut ("Cielo"), sorella e sposa di Osiride, giudice dei morti, e madre di Horus, dio del Cielo. [33], Nei periodi Tardo, Tolemaico e Romano, molti templi contenevano un mito della creazione che adattava idee sulla Creazione in modo da dare ruoli primari a divinità locali. La reputazione di Iside di dea compassionata, che vuole diminuire le sofferenze umane, contribuì di gran lunga alla sua immagine. Iside e Osiride formano la coppia divina per eccellenza nel pantheon egizio. Come i greci e i romani, molti europei moderni hanno visto l'antico egitto come la casa di una profonda e spesso mistica saggezza, che è spesso stata connessa a Iside. [65] In epoca tolemaica due donne interpretavano i ruoli di Iside e Nefti durante il Khoiak, cantando e cantilenando il lutto per il loro fratello defunto. La statua visitava anche i templi vicini a sud, anche durante gli ultimi secoli di attività di File, quando erano gestiti da popolazioni della Nubia al di fuori del dominio romano. Nel IV secolo a.C., Nectanebo I della tredicesima dinastia, dichiarò che Iside era la sua dea patrona, legandola così più strettamente al potere politico. Is It an Isis Temple? Frequenti anche le rappresentazioni della dea mentre allatta il figlio Horus. Le aretalogie mostrano attitudini ambigue nei riguardi dell'indipendenza delle donne: una afferma che Iside aveva reso le donne equali agli uomini, mentre un'altra che aveva spinto le donne a subordinarsi ai mariti. In molte di questi incantesimi, Iside costringe Ra ad aiutare Horus, dichiarando che avrebbe fermato il corso del sole nel cielo se suo figlio non fosse stato guarito. Per secoli i colonizzatori greci ed i visitatori che andavano in Egitto avevano collegato le divinità egiziane e le loro, in un processo chiamato interpretatio graeca. Durante il primo millennio a. C., Osiride ed Iside diventarono gli dèi egizi più venerati. [184], Le lararia romane, o tempietti della casa, contenevano statuette dei penati, un vario gruppo di dei protettori scelto sulla base delle preferenze dei membri della famiglia. Il più famoso fu quello di File, l'ultimo tempio pagano a essere chiuso nel VI secolo per ordine dell'imperatore Giustiniano I[177]. I sacerdoti si rasavano completamente il capo e vestivano bianche tuniche. Ciao amici. [213] Il classicista R. E. Witt vede Iside come la "grande precorritrice" di Maria. La versione ellenistica del suo mito, che tuttavia trova conferma nelle allusioni dei testi iscritti sulle piramidi, lo dà come buon re d’Egitto, ucciso e fatto a pezzi dal fratello Seth. [50] Sono state soggette a controversie fra i Protestanti e la Chiesa cattolica, poiché molti protestanti hanno affermato che la venerazione cattolica di Maria è una reminiscenza del paganesimo. [97] Dopo la vittoria di Ottaviano, vennero banditi i templi di Iside e Serapide dall'interno del pomerium, il confine del cuore sacro di Roma, permettendone la costruzione nella città ma al di fuori del pomerium, rendendo le dee egizie non romane, ma accettabili da Roma. [233][234] La metafora del velo di Iside continuò a circolare nel XIX secolo. Nei testi della bara del Medio regno, Iside appare più spesso, anche se in questi testi vengono accreditate più resurrezioni ad Osiride. Esistono tratti comuni nell'iconografia relativa a Iside e quella posteriore della Vergine Maria,[248] tanto che alcuni hanno supposto che l'arte paleocristiana si sia ispirata alla raffigurazione classica di Iside per rappresentare la figura di Maria: comune è ad esempio l'atto di tenere entrambe in braccio un infante, che è Gesù nel caso della Madonna mentre è Horus per Iside, o gli appellativi di Madre di Dio, Regina del Cielo[249], Consolatrice degli afflitti[248]. Nel sistema genealogico della teologia eliopolitana, figlio di Geb e di Nut, fratello di Iside, di Nefti e di Seth. ORU. Demetra era una delle poche divinità greche che erano ampiamente adottate dagli egizi nel periodo tolemaico, e per questo la somiglianza fra lei e Iside rese possibile una connessione fra le due culture. [166] Antichi registri fanno intuire che Iside fosse popolare con le classi sociali più basse, dando una possibile ragione per cui le autorità della Repubblica romana, preoccupate dai conflitti fra classi, guardavano al suo culto con sospetto. [126] L'asino d'oro e scritti lasciati dai suoi seguaci suggeriscono che molti dei suoi seguaci pensavano che la dea gli avrebbe garantito una vita dopo la morte migliore, come premio per la loro devozione. Proceedings of the IVth International Conference of Isis Studies, Liège, November 27–29, 2008, Power, Politics and the Cults of Isis. […] Sei tu la Signora della Terra […] In origine aveva una funzione limitata ai riti reali e dei templi, anche se era più importante all'interno delle pratiche funeraria e dei testi magici. Molti di loro interpretavano le tradizioni religiose per farle adattare a questo concetto di un essere assoluto, come Plutarco aveva fatto con Iside e Osiride. Questa forma potrebbe essere stata ispirata dalla similitudine fra il verso del nibbio e il pianto delle donne in lutto, oppure da una metafora che compara la ricerca del nibbio per le carogne con la ricerca delle dee per il cadavere del fratello. Il termine egiziano per il trono potrebbe aver condiviso una etimologia con il suo nome, e Kurt Sethe ha suggerito che Iside potesse essere originariamente una personificazione dei troni. In alcuni casi, come nel Navigium Isidis, questi usi divennero parte della cultura classica e cristiana combinata dell'alto medioevo. I marinai lasciavano incisioni che la invocavano per assicurarsi della sicurezza e fortuna dei loro viaggi. [240], Iside continua ad apparire in moderni culti esoterici e pagani. [202] L'Isia fu celebrata almeno fino al tardo 417 d.C.,[203] e il Navigium Isidis durò fino al VI secolo d.C..[204] Col passare del tempo, il significato religioso delle festività romane fu dimenticato o ignorato, anche se gli usi continuarono. La parola più votata ha 5 lettere e inizia con O Le sue relazioni con gli umani erano basate sulle sue azioni nel mito. Tuttavia, il nome "Isiaco" era usato raramente. [162], Gli isiaci erano una porzione molto piccola della popolazione dell'impero romano,[165] ma venivano da ogni classe sociale, da schiavi e liberti a alti ufficiali e membri della famiglia imperiale. Questa forma allude al nutrimento materno che provvedeva. Il dio degli inferi di Osiride è una delle divinità importanti nel pantheon egizio. [124] Sia Plutarco che Proclo menzionano una statua velata della dea Neith che compravano con Iside, citando un esempio della sua universalità e enigmatica saggezza. Iside divenne così la signora dell’Universo. Un’analisi delle origini del mito e della sua presenza nella cultura contemporanea. Un testo nel templi di Iside a Dendera dice: "in ogni territorio è colei che è in ogni città, il ogni territorio con suo figlio Horus. Come altre dee, per esempio Hathor, fungeva anche da madre per i morti, dandogli protezione e nutrimento. [13], Horus era equiparato ad ogni faraone vivente e Osiride ad ogni predecessore deceduto del faraone. [senza fonte] Grazie alla fama diffusa di Iside, File attirava pellegrini da tutto il Mediterraneo. [192] Le ragioni per cui Apuleio scrisse del culto e l'accuratezza della sua descrizione romanzata sono soggette di molte discussioni, ma la fonte è molto coerente con altre fonti sulle iniziazioni, e gli studiosi si basano fortemente sull'opera quando studiano l'argomento. Bene, sei arrivato al miglior sito dedicato a questo gioco. Osiride era il dio egizio degli inferi, oltre che della fertilità. [24] In parte a causa della sua relazione con Sopdet, Iside era collegata anche con le inondazioni,[25] che erano comparate con le lacrime che aveva versato per Osiride. Copyright © 2020 Aton-Ra Antico Egitto - storia della civiltà egizia. […] Sei tu che, da sola, hai ritrovato tuo fratello (Osiri), che hai L'idea che le credenze cristiane siano state prese dai culti misterici ha causato accese discussioni per oltre duecento anni. Come il suo predecessore egizio, il Khoiak, l'Isia includeva una rievocazione rituale della ricerca di Osiride da parte di Iside, seguito da un giubilo quando il corpo del dio veniva trovato. Amun è stato comunemente descritto in questo modo durante il nuovo regno, mentre nell'egitto romano termini del genere tendevano ad essere associati a Iside. dio egizio che sposo iside in 7 lettere: altre possibili soluzioni. La sua importanza all'interno dell'ideologia reale crebbe durante il Nuovo Regno. Come dio dell'agricoltura, veniva festeggiato nel mese di khoiak, quando si effettuava la raccolta del grano, i cui germogli simboleggiando la sua resurrezione e che venivano anche usati in ambito funerario nella statuetta detta "Osiride vegetante". [222] La biografia di Iside di Giovanni Boccaccio nella sua opera De mulieribus claris, basata su fonti classiche, la tratta come una regina storica che insegnava la civilizzazione al genere umano. Tutte queste emozioni hanno un ruolo nella sua resurrezione, perché servono per spronarlo all'azione. Saggio sulla leggenda di un mito, I Greci: storia, cultura, arte, società. [26] In tempi tolemaici era connessa con la pioggia, che alcuni testi egizi chiamano "Nilo nel cielo", con il sole come protettore della barca di Ra,[27] e con la luna, probabilmente perché era legata alla dea della luna Artemide tramite una connessione con una dea egizia della fertilità, Bastet. Le risposte per i cruciverba che iniziano con le lettere O, OS. Iside Nella mitologia egizia, dea della fertilità e della maternità. All'interno del Museo del Sannio, un'intera sala è dedicata alla dea, Signora di Benevento. Allo stesso tempo, Iside assorbì diverse caratteristiche da altre dee, portando la sua importanza anche oltre il mito di Osiride. [17] Testi funerari del Nuovo Regno mostrano Iside nella barca di Ra, mentre naviga attraverso l'aldilà, agendo in qualità di una delle divinità che sottomette l'arcinemico di Ra, Apep. I templi egizi cessarono la loro attività gradualmente e in momenti diversi, a causa di una combinazione fra mancanza di fondi e ostilità dei cristiani. Il mito di Iside e Osiride Nut e Geb. In seguito si procurò una cattiva fama a causa di alcuni rituali licenziosi, e ci furono consoli che cercarono di eliminare o limitare il culto di Iside: a Roma si estinse definitivamente dopo l'istituzionalizzazione del cristianesimo, mentre gli ultimi templi egizi di Iside furono chiusi a metà del VI secolo. Il ruolo di Iside nell'aldilà è basato su quello nel mito. Era comunemente venerata assieme a loro, in quanto loro madre o consorte, ed era specialmente venerata come la madre di varie forme locali di Horus. [210][212], Le similitudini fra Iside e Maria, madre di Dio, sono anche state analizzate. Soluzione CodyCross Dio egizio fratello di Iside: Unisciti a CodyCross, un simpatico alieno che è atterrato sulla Terra e conta sul tuo aiuto per conoscere il nostro pianeta! Un'iscrizione che potrebbe riferirsi a Iside risale al regno di Nyuserre Ini, mentre appare in modo prominente all'interno dei testi delle piramidi, che cominciarono ad essere scritti verso la fine della dinastia e il cui contenuto potrebbe essere stato concepito molto prima. Per volere del dio del Sole, Ra, Osiride e Iside diventarono i sovrani dell’Egitto. Nel mezzo della notte ho visto il sole splendere con una luce intensa, mi sono trovato faccia a faccia con gli dei di sotto e gli dei di sopra e gli ho mostrato la mia reverenza da vicino. Proceedings of the Vth International Conference of Isis Studies, Boulogne-sur-Mer, October 13–15, 2011, Gender Transformation in Death: A Case Study of Coffins from Ramesside Period Egypt, Egyptian Religion: The Last Thousand Years. [61] Eppure, le culture greca e egizia erano molto connesse durante questo periodo, e potrebbe quindi non esserci stata alcuna separazione etnica fra i seguaci di Iside. Osiride (gr. [99] Anche mentre veniva integrato nella cultura romana, il culto di Iside sviluppò nuove caratteristiche che enfatizzavano le sue origini egizie, includendo una maggiore enfasi su Osiride di quanta ce ne fosse in tempi ellenistici. [251] Una statua con le sue sembianze fu innalzata in suo onore in Place de la Bastille il 10 agosto 1793 a Parigi, nei giorni della Rivoluzione francese per celebrarne l'anniversario. [200] L'altro era l'Isia, verso la fine di ottobre e l'inizio di novembre. [226] Il romanzo di Jean Terrasson del 1731, Sethos, usava Apuleio come ispirazione per un elaborato rito egizio dedicato a Iside,[227] che fu poi imitato da effettivi rituali in diverse società massoniche durante il XVIII secolo, come in altre opere letterarie, fra cui la nota opera di Wolfgang Amadeus Mozart del 1791, Il flauto magico. [239] Nel tardo XX e all'inizio del XXI secolo il nome Iside diventò un nome femminile popolare. [159], Come Iside-Fortuna teneva in mano un timone, che rappresentava il controllo del Fato, nella sua mano destra e una cornucopia, simbolo di abbondanza, in quella sinistra. Cleopatra III, nel II secolo a.C., usava il nome di Iside al posto del suo nelle iscrizioni, e Cleopatra VII, l'ultima regina egizia prima dell'annessione del regno all'impero Romano, usava l'epiteto "la nuova Iside". Suggerisce che coloro che veneravano Iside e si erano convertiti al cristianesimo avrebbero potuto vedere la figura di Maria negli stessi termini della loro dea tradizionale. [20][21] In diversi episodi della storia "Le contese di Horus e Set", Iside usa queste abilità per superare in strategia Set nel corso del conflitto. Definizione (VI-IV secolo a. C.), Dizionario enciclopedico delle Divinità dell'Antico Egitto, Dizionario enciclopedico dell'antico Egitto e delle civiltà nubiane, Grande enciclopedia illustrata dell'antico Egitto, Romanising Oriental Gods: Myth, Salvation, and Ethics in the Cults of Cybele, Isis, and Mithras, Moses the Egyptian: The Memory of Egypt in Western Monotheism, Ancient Egyptian Literature: History and Forms, The Virgin Goddess: Studies in the Pagan and Christian Roots of Mariology, Household and Family Religion in Antiquity, Beyond Nock: From Adhesion to Conversion in the Mystery Cults, Initiation into the Mysteries of the Ancient World, De Memphis à Rome: Actes du Ier Colloque international sur les études isiaques, Poitiers – Futuroscope, 8–10 avril 1999, Atlas de la diffusion des cultes isiaques, Nile into Tiber: Egypt in the Roman World. Iside Nella mitologia egizia, dea della fertilità e della maternità. Durante il periodo tolemaico era spesso considerata una divinità universale. [63] Un'elaborata serie di riti dedicati ad Osiride erano performanti in tutto Egitto durante il mese del Khoiak,[64] e Iside e Nefti divennero importanti all'interno di questi riti a partire almeno dal Nuovo Regno. Alcune regine del tardo periodo Tolemaico si identificarono più strettamente con Iside. [198], Festività di Iside e altri dei politeisti erano celebrati fino al IV secolo d.C., nonostante la crescita del cristianesimo e la persecuzione dei pagani che si erano intensificati durante la fine del secolo. Set uccise Osiride e, in molte versioni del mito, smembrò il suo cadavere. Iside è trattata come la madre di Horus sin dalle prime copie dei Testi delle Piramidi, anche se ci sono segni che Hathor fosse originariamente identificata come sua madre, e altre tradizioni identificano una versione più vecchia di Horus come figlio di Nut e fratello di Iside e Osiride. Nei testi delle piramidi, risulta importante per il re in quanto è una delle divinità che lo proteggeva e assisteva nell'aldilà. [140] A Biblo, in Fenicia, nel II millennio a.C., Ator era venerato come una forma della dea locale Baalat Gebal; Iside prese gradualmente il posto di Ator nel corso del I millennio a.C.[141] Nel Noricum nell'Europa centrale, Iside fu sintetizzata con la dea locale Noreia,[142] e a Petra potrebbe essere stata collegata con la dea araba al-Uzza. [74] Nella tradizione funeraria della Nubia, Iside era considerata più importante del marito, perché era quella attiva dei due, mentre lui riceveva solo passivamente le offerte che lei gli faceva per sostenerlo nell'aldilà. [21] In testi più recenti, usa i suoi poteri di trasformazione per combattere e distruggere Set e i suoi seguaci. Nelle cerimonie indossavano maschere, come quella di, Tobin, Vincent Arieh, "Myths: An Overview", in, McClain, Brett, "Cosmogonies: Later Period", 2011, in, Bianchi, Robert Steven, "Images of Isis and Her Cultic Shrines Reconsidered: Towards an Egyptian Understanding of the, Bricault, Laurent, and Versluys, Miguel John, "Isis and Empires", in, Morkot, Robert G., "Kings and Kingship in Ancient Nubia", in, Pfeiffer, Stephan, "The God Serapis, his Cult and the Beginnings of the Ruler Cult in Ptolemaic Egypt", in, Thompson, Dorothy P., "Demeter in Graeco-Roman Egypt", in, Naerebout, Frederick, "The Temple at Ras el-Soda. Durante il suo sviluppo nell'Impero, il culto di Iside si contraddistinse per processioni e ricche feste in onore della dea. Annio da Viterbo, nel 1490, affermò che Iside e Osiride avevano civilizzato l'Italia prima della Grecia, definendo così una connessione diretta fra il suo paese e l'Egitto. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 3 lug 2020 alle 00:16. Inizialmente la più importante di queste dee era Hathor, la controparte femminile di Ra e Horus, le cui caratteristiche erano incorporate nelle corone delle regine. Tu hai reso il potere delle donne uguale a quello degli uomini![256]. Unisciti a CodyCross, un simpatico alieno che è atterrato sulla Terra e conta sul tuo aiuto per conoscere il nostro pianeta! I sacerdoti si rasavano completamente il capo e vestivano bianche tuniche. Quando Set definisce quella situazione come ingiusta, Iside lo deride, dicendo che si è giudicato in torto da solo. [18] I re invocavano anche i suoi poteri apotropaici contro i nemici umani. Iside, rappresentata in una forma ellenizzata, era rappresentata sia come consorte di Serapide che di Osiride. [171], I sacerdoti di Iside si riconoscevano per le loro distintive teste rasate e i vestiti di lino bianco, entrambe caratteristiche prese dai culti egizi e dalla loro purezza rituale. [55], I primi templi principali dedicati a Iside si trovavano a Behbeit el-Hagar, nel nord dell'Egitto, e a File, nell'estremo sud. [3], .mw-parser-output .chiarimento{background:#ffeaea;color:#444444}.mw-parser-output .chiarimento-apice{color:red}Secondo il mito, raccontato nei Testi delle Piramidi e da Plutarco nel suo Iside ed Osiride, con l'aiuto della sorella Nefti recuperò e assemblò le parti del corpo di Osiride, riportandolo alla vita. Nonostante la sua importanza nel mito di Osiride, Iside era in origine una dea minore appartenente al culto del re vivo; aveva solo un ruolo minore nel papiro drammatico di Ramesse, la traccia per i rituali di incoronazione per l'accessione di Senusret I nel Medio Regno. […] nemica dell'odio […], Anubi o Anubis è una divinità egizia legata al culto dei morti, ha corpo umano e testa di sciacallo. Iside continuò ad assistere il figlio quando sfidò Set per riottenere il titolo che gli aveva usurpato, anche se madre e figlio sono rappresentati in conflitto alcune volte, come quando Horus decapita Iside e sostituisce la testa originale con quella di una mucca, un mito di origine del corno di mucca che Iside indossa. [211] In risposta a queste controversie, sia Hugh Bowden che Jaime Alvar, studiosi che si occupano di antichi culti misterici, suggeriscono che le similitudini fra il cristianesimo e i culti misterici non sono state semplicemente prodotte dal prendere le idee ma dal loro sfondo comune: la cultura greco-romana in cui si sono tutti sviluppati. I pericoli che Horus affronta durante la sua infanzia sono un tema ricorrente negli incantesimi di guarigione, in cui gli sforzi di Iside per guarirlo vengono estesi ad ogni paziente. [219] Elizabeth Bolman dice che queste antiche immagini egizie di Maria con in braccio Gesù avevano come scopo l'enfatizzare la sua grandezza divina, come le immagini di dee con in braccio bambini nell'antica iconografia egizia. Gli imperatori della dinastia Flavia trattarono Serapide e Iside come protettrici del loro regno allo stesso modo delle divinità tradizionali romane, come Giove e Minerva. [16], Il ruolo di Iside come protettrice di Osiride da Set diventò parte di un aspetto più grande e agguerrito del suo personaggio. Il dio egizio sposo di Iside — Soluzioni per cruciverba e parole crociate. [29], Come altri dei durante la storia egizia, Iside aveva molte forme, diverse in base ai diversi centri di culto, e ogni centro enfatizzata diversi aspetti del suo personaggio. [48] Erodoto, un greco che scrisse riguardo all'Egitto nel V secolo a.C., compara specificamente Iside con Demetra, la cui ricerca mitologica della figlia Persefone ricorda la ricerca di Osiride da parte di Iside. Ricerca - Definizione. [45], All'inizio del I millennio a.C. ci fu una maggiore enfasi riguardo alla triade familiare di Osiride, Iside e Horus e una forte crescita nella popolarità di Iside. Soluzioni per la definizione *Il dio egizio sposo di Iside* per le parole crociate e altri giochi enigmistici come CodyCross. [205], Una domanda controversa riguardo a Iside è se il suo culto abbia influenzato il cristianesimo. [241] Gruppi e figure influenti nell'esoterismo, come l'ordine Ermetico dell'alba dorata nel tardo XIX secolo e il Dion Fortune negli anni 30, adottò una dea quasi onnipotente nel loro sistema di credenze col nome di Iside. [10], Una storia all'interno del Papiro di Westcar del Medio Regno include Iside in un gruppo di dee che fanno da nutrici durante il parto di tre futuri re.